Torino è sempre più… democratica!

biennale democraziaCaspita come passa il tempo. Mi rendo conto adesso che son passati dieci giorni dall’ultimo post.

Rimedierò con un post un po’ di servizio, per segnalare un’iniziativa della quale abbiamo parlato qua e qua in passato e che sta per occupare (letteralmente) Torino: la Biennale Democrazia.

La divagatrice, come sapete, si è iscritta all’evento finale del dibattito sul testamento biologico, che si terrà il 25 aprile al Sermig (tutto il dì). Non so se ci sarà il wireless per livebloggare da là (e, no, l’iPhone i divagatori non se lo possono permettere…), ma ci saranno di sicuro Corrado Augias a osservare e commentare e una cabina di regia formata da esperti (tra i quali spicca il senatore Ignazio Marino, padre dell’omonima proposta di legge poi cassata in Parlamento).

Da quel che ho capito leggendo le istruzioni sul sito, verremo divisi in gruppetti, ognuno di noi avrà un tastierino col quale televotare in maniera anonima per una serie di proposte che usciranno nel corso della discussione. Il risultato del televoto non decreterà il vincitore del Grande Fratello o di X-Factor,  ma permetterà di arrivare ad una “sintesi” a fine giornata.

Quello del testamento biologico è solo un piccolo evento nel mare di iniziative che stanno per essere avviate (ecco il calendario).

Si parte il 22 con la lectio magistrale del Presidente Napolitano (per la quale non ci abbiamo nemmeno provato ad andare a far la coda per i biglietti) e si chiude il 26 con una maratona al Circolo dei Lettori.

Nel mezzo un sacco di roba per grandi e piccini. Il programma è da guardare bene per evitare di perdersi qualche chicca, ma la divagatrice già sa che a costo di dormire fuori dal Carignano andrà a sentire Michele Serra il 23 e le Lettere di condannati a morte della resistenza il 25 (al Regio).

Se capitate da queste parti in quei giorni fatevi vivi.

Leave a Reply