sulle tracce di Charles: le origini 1

La divagatrice è a Londra alla ricerca di Charles, il naturalista di pezza che ha preso il largo qualche mese fa alla ricerca di nuove emozioni.

Il viaggio è iniziato qui:

Gower Street è oggi la via che porta allo University College, nel quartiere di Bloomsbury dove hanno vissuto e scritto Virginia Wolf, Aldous Huxley, Bertrand Russell e Thomas Stearns Eliot. Al 12 di Gower Street Charles aveva comprato la casa, il Macaw Cottage, che avrebbe poi diviso con Emma per i primi quattro anni di matrimonio. In questa lettera (traduzione mia con qualche libertà) le scrive:

Mia cara Emma
sono molto stanco per il lavoro, ma non resisto senza scriverti per dirti che Gower St è nostra, tende gialle comprese e tutto il resto. Ho pagato un anticipo, firmato un accordo e recuperato le chiavi; la vecchia mi ha detto che d’ora in poi ne sono il proprietario. [...] Sono molto felice per la casa. Sono appena andato a fare l’inventario: non abbiamo molto da comprare, anche le stoviglie e bicchieri sono perfetti. [...] Non vedo l’ora di entrarci assieme a te. Sarà bellissimo vederti seduta lì, accanto al fuoco.

Che poi era anche bravo a scrivere lettere d’amore. Comunque, oggi il 12 di Gover Street è diventata la sede del Darwin Building, il dipartimento di biologia dello University College.

Lì c’era (adesso lo stanno spostando) il Grant Museum di Zoologia e ci sono ancora laboratori e uffici degli eredi di Charles. Le sue tracce si vedono a partire dall’ingresso:

e dalla targa sul muro:

La divagatrice è entrata, ha chiesto ai biologi che stavano lì, ma niente. Charles di lì non è passato. Dove sarà?  Non è che se l’è presa perché proprio di fronte gli hanno costruito questo?

Ah, saperlo…

continua…

One comment on “sulle tracce di Charles: le origini

  1. Reply juhan ott 14, 2010 09:22

    ottimo post!
    peccato per l’opera dei talebani (di ogni setta)

Leave a Reply