riviste e burocrazia 3

Pubblicare la rivista di un’associazione è semplice. Provate anche voi.

Andate in tribunale per la registrazione. In realtà voi avete già una rivista, ma avete cambiato nome, quindi suggerite al tribunale che basterebbe cambiare il nome e lasciare tutto il resto uguale. “Niet! Vietato! Dovete portarci tutta la documentazione, la copertina del primo numero e, ovviamente i documenti del rappresentante legale dell’associazione”.

Allora telefonate al rappresentante legale dell’associazione che però ha i documenti scaduti, è incasinato e non li riesce a rifare in tempo. Andate allora da avvocati e commercialisti che vi seguono per capire se “da Statuto” qualcuno lo può sostituire. Scoprite che il Vice Presidente lo può fare, allora mandate qualcuno a fare una fotocopia dei documenti del vicepresidente da faxare in sede (ovviamente voi fate parte di un’associazione nazionale che ha i rappresentanti giustamente distribuiti su tutto il territorio).

Tornate in tribunale, consegnate tutto compilato per benino, loro vi ringraziano e vi dicono “ok, fra un mesetto…”. Un mesetto?!? Ma come? Noi dobbiamo uscire subito! Non c’è modo di uscire lo stesso, magari mettendo una dicitura del tipo “in attesa di registrazione”? In fondo la vostra rivista esiste già da anni, ha solo cambiato nome… “Niet! Vietato! Potete forse guidare senza patente? Ecco, allora zitti e aspettare”. In un guizzo di intelligenza fate notare al tribunale che vi è capitato di leggere riviste che avessero quella dicitura… “ah, può essere… Noi non controlliamo mai”.

Perfetto. Allora certi di questa cosa, andate alle Poste, spiegate la situazione e dite che il numero di registrazione ancora non ce l’avete, ma la richiesta l’avete fatta e che quindi si possono spedire lo stesso, tanto non controllano… “Niet! Vietato! Ma potete fare una cosa diversa. Evitate di mettere il riferimento alla registrazione e poi in questo modulo precompilato scrivete che vi siete dimenticati e che ormai siete andati in stampa. Fan tutti così”.

Perfetto. Allora mandate le copie in stampa. Ovviamente, non appena l’ultima copia è stata pinzata, arriva l’autorizzazione del tribunale. Ma ormai è fatta e sarà per la prossima volta.

Andate in posta con le vostre belle copie e preparate il comunicato stampa per far sapere al mondo che la vostra rivista sta per essere spedita. Le Poste vi accolgono bene “certo, è sufficiente compilare questi sei moduli per chiudere la rivista vecchia e aprire la nuova. Ah, ovviamente dovete inserire il numero del ROC”.

Il ROC? E che diavolo è il ROC? Il Registro degli Operatori della Comunicazione è una struttura (esisterà davvero?) alla quale pare si debba essere iscritti per uscire con una pubblicazione. Andate a vedere nelle carte e scoprite che per la rivista vecchia avevate fatto richiesta al ROC nel 1997, ma il ROC non vi ha mai risposto. Com’è possibile, signore Poste, che prima pubblicassimo lo stesso senza avere il numero? “Semplice, è sufficiente mostrare la ricevuta di ritorno della raccomandata con la quale avete chiesto l’iscrizione”.

Quindi è semplice, andate sul sito, scaricate i 23 (ventitre) moduli con relative istruzioni, copilateli, imbustateli, fate una raccomandata che mai nessuno leggerà e con quella tornate in posta…

Il seguito non lo so, ma assomiglia sempre più alla casa che rende folli di Asterix.

Il prof mi fa notare che il ministro della semplificazione aveva detto che avrebbe sbrogliato la burocrazia… chissà come si stava prima!

PS: tutto questo per dire che per vedere la nuova creatura ci vorrà ancora un po’ di tempo. uff.

3 thoughts on “riviste e burocrazia

  1. Reply Pierluigi apr 21, 2010 15:17

    Aspetteremo ancora un pò. Purtroppo in un paese come il nostro si rende tutto più difficile per dissuadere la gente a fare qualcosa.
    Se però la pubblicazione è di Silvio allora tutto si velocizza.

  2. Reply markogts apr 21, 2010 21:51

    pdf e spedire in mailing list su iscrizione a pagamento, buonanotte al secchio, e si salvano anche gli alberi.

  3. Reply Giuliana apr 21, 2010 22:26

    Propongo di costruire una statua in onore di Marino! :) Meno male che c’è lui!!!!

    PS. sicuramente la statua avrà proprietà magiche e fenomeni misteriosi accadranno su di essa e intorno ad essa! ^_^

Leave a Reply