precari al telefono… 3italia e la delusione 8

cara 3italia,

da qualche mese sto guardando con interesse la tua offerta per iPhone. Con te avrei speso una trentina di euro al mese pagando telefonate, navigazione e rate del telefono, mentre oggi con un altro operatore spendo più di 30 euro al mese solo di telefonate e volendo comprami un iPhone dovrei sborsarne altre centinaia.

E quindi sono venuta da te con il codice fiscale, l’iban, il bancomat e tutto quello che serve per stipulare il contratto con la finanziaria che hai scelto per gestire le rate del telefono.

E mi hai bocciata. I motivi non li so perché pare che la finanziaria non ti comunichi le motivazioni e preferisca mandarle a me per lettera poi con calma.

Ok, non ho un lavoro fisso, non guadagno cifre stratosferiche, non ho proprietà eventualmente da pignorare, ma comunque lavoro, vivo dignitosamente e posso anche pensare di permettermi una frivolezza come l’iPhone. Sicuramente posso pensare di impegnarmi a pagare una trentina di euro al mese per i prossimi tre anni. Non parliamo di case, ma di cazzate e non parliamo di centinaia di migliaia di euro, ma di briciole. Sia chiaro, se mi avessi permesso di farlo ti avrei anche pagato subito tutte e 30 le mensilità. Non mi piace comprare le cose a rate e non l’ho mai fatto, perché per me non ci sono scappatoie: se una cosa te la puoi permettere te la compri e se non puoi non te la compri. Punto.

Quindi niente, non mi ripresenterò assieme a un garante, come mi ha suggerito la tua operatrice, perché mi sento abbastanza grande da poter garantire per me. Alla finanziaria magari non piacciono i trentenni senza lavoro fisso e proprietà da pignorare, ma ti rendo partecipe di questa notizia dell’ultim’ora: siamo la maggioranza e siamo anche il tuo target, quindi, la prossima volta, prima di sceglierti gli amici pensaci un po’ su.

Ah, sì, l’iPhone me lo compro per i fatti miei direttamente da Apple, ma difficilmente mi avrai tra i tuoi clienti.

Stammi bene,

la divagatrice

8 thoughts on “precari al telefono… 3italia e la delusione

  1. Reply fabio nov 12, 2010 23:03

    Sono solidale con te. Capitò la stessa cosa a me quando ero “precario” e l’AGOS non autorizzò il negozio in cui stavo comprando un iMac che mi serviva per lavorare. Dopo tutte le domande fatte e documenti richiesti, tutta la trafila per ottenere la concessione del prestito è stata umiliante. Da allora prima di farmi rubare i soldi da una finanziaria ci penso sempre su. Piuttosto evito le frivolezze. Alla fine l’ho comprato in contanti, centesimo su centesimo e fortunatamente adesso le cose vanno meglio. Buona fortuna!

  2. Reply Enrico nov 12, 2010 23:17

    L’Android è meglio.

  3. Reply Claudio nov 13, 2010 04:33

    Concordo con Fabio, non fatevi turlupinare dalle finanziarie. Meglio pagare subito in contanti. Io non uso neppure la carta di credito, e ho partita iva, contratto con 3 business, ecc.
    Preferisco pagare cash che farmi prendere in giro.

  4. Reply gigi nov 13, 2010 12:11

    Sapete cos’è la centrale rischi delle banche e finanziarie? E’ un ente che tiene le statistiche ufficiali dell’esito dei precedenti finanziamenti, e queste statistiche dicono che una grande percentuale di precari e casalinghe non ha più pagato le rate e si è tenuta pure il cellulare, quindi è normale che adesso siano diventati più restrittivi! Vi ricordo che la crisi mondiale del 2008 è nata proprio per aver concesso con leggerezza mutui a “precari” che poi non hanno più onorato i debiti e hanno fatto fallire cos’ banche,finanziarie e risparmiatori che avevano investito su tali mutui.

    • Reply bea nov 13, 2010 12:16

      Gigi, grazie per la lezione di economia. Se leggi bene il post vedrai che se 3 mi avesse permesso di pagare tutte e 30 le rate subito l’avrei fatto e poi me ne sarei stata tranquilla con il mio iPhone e le mie telefonate pagate per i prossimi 3 anni. Non ho problemi economici tali da dover dilazionare in 3 anni un pagamento di un migliaio di euro e posso concedermi un regalo e comprarmi un iPhone per Natale. DIco solo che se offri un servizio e fai la compagnia telefonica dei ggiovani poi non puoi tagliar fuori proprio quelli a cui vuoi parlare.

  5. Reply Claudio nov 13, 2010 12:19

    Gigi, lo so cos’è la centrale rischi. Ma non credo sia il caso della nostra divagatrice.
    Se invece per errore (dato che è già capitato in passato) fosse stata inclusa in questa lista, consiglio di informarsi in modo da farsi cancellare.
    Il problema di fondo rimane lo stesso: ai “precari”, che ormai sono un sempre più numeroso di persone che regge l’economia del paese, non è consentito avere gli stessi diritti di un dipendente che svolge identiche mansioni.

  6. Reply Gianni Comoretto nov 23, 2010 09:42

    Ma anche le finanziarie devono lavorare, poverine. E quindi borda con pagamenti rateali, praticamente obbligatori, in certi negozi se NON paghi a rate ti guardan male. Se poi tiri fuori il pacco di banconote da 50, invece della carta di credito o del bancomat, magari sono pure contenti perché non ci sono commissioni, ma comunque si insospettiscono.

Leave a Reply