Il viaggio di Charles: a volte ritornano

Vi ricordate del pupazzo Charles? Quello che viveva sul tappeto della divagatrice e che a un certo punto, preso dallo sconforto per gli attacchi creazionisti alla teoria dell’evoluzione, ha preso il largo? Il suo viaggio l’ha portato a Genova dove, passeggiando nei carrugi assieme a Lola il camallo ha capito che aveva bisogno di nuovi stimoli. La visione di Avatar al cinema l’ha convinto a partire alla ricerca di Pandora. L’ultimo suo segnale è una fotografia in compagnia di un beagle astronauta. Da allora non abbiamo più avuto sue tracce.

Fino a ieri.

Ieri sera, infatti, la divagatrice ha sentito ululare alla porta. Era il beagle, con in bocca una fotografia. Questa.

Dietro poche parole:

Dear divagatrice,

ho vagato per mari e cieli alla ricerca di Pandora, ma devo comunicarti che non l’abbiamo trovata. Assieme a Snoopy, il gentiluomo che ti ha portato questa mia, abbiamo combattuto guerre, abbattuto il Barone Rosso e bevuto molte orzate. Ma ho capito di aver bisogno di qualcosa di più.

Ti farò avere presto mie notizie. Prenditi cura del gentiluomo e salutami tanto neurone e globulo. Siete sempre nel mio cuore di pezza.

Sempre tuo,

Charles da iPhone

Charles, dove sei? Perché leggi le notizie sul Papa? Che cos’hai in mente? Non ti sarà mica tornato quel vecchio tarlo della fede incompatibile con la tua teoria? Dove ti portano i tuoi pensieri?

E soprattutto, lo sai che la casa è piccola… dove lo metto il cane?

Leave a Reply