divagazioni festivaliere – 2 1

Il Festival della Scienza è finito domenica con un festone a Palazzo Ducale, quindi questa seconda puntata della divagazioni festivaliere non è tanto una guida, ma un elenco di cose che ci sono più o meno piaciute e che potrete cercare nelle vostre città. Tutte rigorosamente low cost, perché oggi va così.

orizzonti lontaniLa prima è la nostra, Orizzonti lontani, un laboratorio di astrobiologia o sull’astrobiologia e più che altro un tentativo di far capire quanto sia incasinato mettersi a cercare forme di vita su altri pianeti. Che cosa cercare? E cercassimo le cose sbagliate? Un po’ il discorso del limite ignoto che facciamo nel libro (ah, a proposito… compratelo!). Ecco, a progettarlo ci siamo divertiti parecchio, abbiamo bazzicato per mesi nei meandri del Museo di Scienze di Torino conoscendo personaggi che sarebbero loro da esporre e alla fine è venuto fuori un bel percorso anche se non è stata investita una lira nell’allestimento. Sarà il periodo?

(nella foto, il momento dell’analisi dei campioni “alieni”, con il messaggio di Arecibo sullo sfondo. Il buio è molto scenografico, ma non era proprio voluto, così come il freddo gelido della bellissima, ma forse poco adatta per queste cose, Chiesa di Sant’Agostino)

Poi, ci è molto piaciuto To bet or not to bet, degli amici torinesi di Officine Scienza che usano il gioco d’azzardo per spiegare la statistica. La divagatrice ha riposto anche l’ultima speranza di arricchirsi scoprendo che per giocare a poker “bisogna per prima cosa avere 10 di mate”. E loro son bravi (non ad arricchirsi), ma a pensare e realizzare mostre e laboratori senza avere l’appoggio di nessuno.

Poi, la divagatrice è impazzita per il Girogiropesce, una visita guidata al Mercato Orientale con una biologa marina che raccontava le storie dei pesci distesi lì sui banchi, mettendoli anche in un’ottica di sostenibilità ambientale. Genova non è una città facile da conquistare e il mugugno regna sempre sovrano. I vicini di banco del nostro pescivendolo mugugnavano perché bloccavamo il passaggio, i passanti mugugnavano perché ci stavamo facendo abbindolare e la divagatrice che ha provato a spiegare che quella non era la televisione, ma una ricercatrice che spiegava i pesci s’è presa della “povera scema”… comunque, la gente era tanta e abbiamo scoperto che il problema principale dei genovesi sembra essere la decadenza del sarago “non ci son più i saraghi di una volta”.

Poi, siamo un po’ scettici su AlieNazioni. Scettici perché loro sono amici nostri e hanno sempre fatto mostre e laboratori rigorosi in maniera indipendente, ma questa volta hanno invitato a uno degli incontri Pier Fortunato Zanfretta, che è uno di quelli che sostiene di essere stato contattato dagli alieni più volte. Ora, non c’è nulla di male a dar parola a Zanfretta, però vederlo lì nel programma del Festival della Scienza lascia un po’ perplessi. E non vale cercare di riequilibrare invitando Attivissimo qualche giorno dopo. Era Genova, non Sanremo.

E alla fine, orfani di Carontino, abbiamo preso in prestito due bimbe e siamo andati ad acchiappare le nuvole e, niente, avevano ragione tutti quelli che ne parlavano bene. Bel laboratorio, pensato bene e condotto egregiamente. La parte finale un po’ sognatrice è una strizzata d’occhio ai genitori, ma forse ci va anche quello.

One comment on “divagazioni festivaliere – 2

  1. Reply Ken Parker dic 6, 2010 11:26

    Visto che qui leggo (ed imparo) un sacco di cose interessanti su argomenti che conosco poco, mi sento di dire qualcosa su un argomento che invece conosco.

    >La divagatrice ha riposto anche l’ultima speranza di arricchirsi scoprendo che per giocare a poker “bisogna per prima cosa avere 10 di mate”.

    Non e’ proprio cosi’, la base matematica necessaria per vincere non e’ niente di troppo complicato.
    Arricchirsi col poker pero’ e’ egualmente difficile, l’argomento e’ comunque complicato: tanto per dirne una, esiste una bibliografia parecchio vasta.
    Sicuramente l’attivita’ di giocatore di poker e’ una cosa che andrebbe affrontata full time…

Leave a Reply