liberate gli ortaggi 1

È iniziato tutto due anni e mezzo fa. “Io e te dovremmo fare qualcosa assieme” gli dico nel mezzo di una discussione abbastanza accesa su Facebook. Ci vediamo una volta, ne parliamo e quando rientro a casa mi trovo una scaletta nella posta elettronica.
Lui è quello che le cose le fa.

Io invece sono quella problematica e infatti la scaletta non mi convince: troppo semplice. Non c’è la parte giornalistica, non c’è una storia. Metticele, mi dice lui.contronatura
Nel frattempo prepariamo conferenze, vinciamo un dibattito e costruiamo una mostra, tutte cose che in qualche modo partono da quel primo commento e ci obbligano a ritornarci.
Sono passati due anni e mezzo, quella problematica dei due ha capito che la scaletta, alla fine, non era poi così male, semplice, ma efficace. Abbiamo fatto fuori un po’ di roba, ne abbiamo aggiunta altra, abbiamo girato in lungo e in largo alla ricerca di storie da raccontare e ci siamo convinti che quel qualcosa da fare assieme che entrambi avevamo in testa fin da subito era giunto il momento di farlo uscire.

Bon, si chiama Contro Natura ed è uscito oggi.

inizia con un appello per la liberazione degli ortaggi…

 

PS: per i prossimi sei mesi, mi trovate a commentare l’Expo qui su Le Scienze.

 

One comment on “liberate gli ortaggi

  1. Reply Marco Maffeo gen 6, 2016 10:41

    Buongiorno, avrei necessità di contattarla personalmente, ma non sono riuscito ad avere una sua mail, allora provo con questa via. Vorrei concordare una eventuale sua presenza ad un “thè letterario” per fine ottobre sul tema “tra biodiversità ed OGM: distanze e contatti”. Sarebbe inserito nell’ambito di una manifestazione in corso di organizzazione “le giornate del gusto e delle biodiversità” ad Occhieppo Inferiore (Biella).
    Se gentilmente volesse contattarmi lei, può trovare i miei riferimenti digitando “marco maffeo mele”.
    Grazie.

Leave a Reply