a Genova a divogar… 2

Qua i divagatori un po’ incoscientemente hanno presentato tre progetti tre al Festival della Scienza e tutti e tre son stati presi. Che è un bene, ma non se nel mentre bisogna anche farci stare un Convegno e una corsa in ospedale.

La divagatrice, che è una sperimentale e che nella sua vita mai aveva dovuto prendere antibiotici, adesso ha finalmente capito il valor della pensata di Fleming.

Comunque, tornando a bomba, se capitate dalle parti di Genova in periodo Festival (23 ottobre – 1 novembre) venite a trovarci.

Con il prof abbiamo messo su una mostra sui vent’anni del CICAP e un laboratorio, Balle Spaziali, sul moon hoax (quelli che dicono che non siamo mai andati sulla Luna). L’idea è quella nostra solita, di usare i mysteri per raccontare la scienza… vi faccio sapere se funziona.

Con gli altri divagatori invece abbiamo un laboratorio a Sant’Agostino sulla biodiversità che si chiama Il tempo nelle mele. Ora, lo so che il titolo fa un po’ festa della medie, ma SantAgostino è bellissima, siamo immersi nelle scenografie originali di Luzzati e se riusciamo a montare tutto quello che dobbiamo montare entro le 9 di venerdì mattina viene un laboratorio fichissimo.

Ovviamente i pannelli sono ancora da finire, il plastico della superficie lunare è a Pontedecimo a casa di SIlvano Fuso (e come si arriva a Pontedecimo senza macchina?), il LEM ha subito l’attacco (complottista?) del figlio piccolo del prof, le mele di cartapesta sono ancora posticce e gli animatori che sarebbero dovuti venire oggi a farsi formare da Paolo Attivissimo (che arrivava apposta dalla Svizzera) non si sono fatti vivi.

Ma come ha detto Paolo oggi: questa è “emergenza creativa”. Sarà il nostro nuovo motto.

2 thoughts on “a Genova a divogar…

  1. Reply juhan ott 22, 2009 09:11

    “il valor della pensata” lo adotto!
    Brava per tutto il resto.

  2. Pingback: vita da divagatore (precario): i finanziamenti « i divagatori scientifici

Leave a Reply